Anthem – Una lancia a suo favore!

Cos’è per noi Anthem? Un videogioco suggestivo che fonda il suo gameplay in un mondo condiviso in stile MMORPG.

Storia

La storia che affronteremo ruota attorno al cosiddetto “Inno della Creazione”. Gli antichi Dei decisero di creare un mondo popolato da varie razze con proprietà uniche, tramite uno strumento denominato “Matrice della Creazione”. Gli Dei tuttavia decisero di abbandonare la loro opera, lasciando un mondo imperfetto ed incompleto, popolato dal caos, creature spaventose ed impetuosi fenomeni atmosferici.

L’umanità, tra le mura della fortezza di Tarsis, cerca di sopravvivere al mondo esterno mentre una fazione, gli uomini del Dominion, vogliono utilizzare gli strumenti creati dagli Dei come arma per soggiogare tutto al proprio volere. A fronteggiare la minaccia del Dominion, un corpo di piloti d’elite, gli Specialisti, sono chiamati ad affrontare una missione per la salvezza e la sopravvivenza del genere umano.


Troveremo quattro classi che saranno Guardiano, Colosso , Intercettatore e Tempesta. La prima rappresenta la classe più versatile: il Guardiano rappresenta il connubio ideale tra agilità nei movimenti e potenza di fuoco.

Il Colosso rappresenta, invece, il classico Tank con cui potremo adoperare armi di grosso calibro e abilità di detonazione avanzate unite alle sue possibilità difensive per tutto il team.

L’Intercettatore si distingue per la sua agilità, utilissimo per le azioni diversive e per i combattimenti a distanza.

Infine, la classe Tempesta, unisce le possibilità sopra citate alle abilità magiche di cui è munito.

Una volta personalizzato il proprio armamento e scelta la propria Strale, si potrà partire per una serie di missioni che andranno a comporre la campagna principale di Anthem. Si potranno scegliere due strade differenti: multiplayer cooperativo a quattro giocatori e in solitaria mantenendo il vincolo alla connessione ai server di gioco, sta a voi la scelta su come affrontare questa nuova avventura!

Aspetto e confronti

Un aspetto che sicuramente ci ha colpito fin da subito è sicuramente quello dell’esplorazione, resa decisamente spettacolare grazie allo Strale usato come tuta di volo, ma anche come tuta sottomarina. Da questo punto di vista viene spontaneo il confronto con Iron Man ma anche con quel sistema di movimento che abbiamo provato e personalmente noi abbiamo amato con Mass Effect Andromeda, del quale troveremo dei riferimenti.

In molti hanno voluto fare il paragone con Destiny… Noi invece vogliamo “strafare”, giocando infatti, abbiamo avuto l’impressione di rivivere su un pianeta del mondo di Star Wars, per esempio il forte ricorda vagamente il famoso “mercato del pianeta Tatooine”. La flora e la fauna ricordano invece quel mondo vivente e i paesaggi che abbiamo conosciuto in Avatar… Mentre i nemici non vi ricordano vagamente una lotta tra bene e il male causata da un Singolo anello del potere?

Insomma secondo noi questa ultima fatica BioWare merita di essere vissuta, perché forse per la prima volta possiamo assistere ad un gioco che mixa generi ed ispirazioni che abbiamo sempre amato e lo fa in modo rispettoso!

Questo è quello che a prima vista è Anthem per quanto riguarda la storia e nell’aspetto, che è ciò che salta subito all’occhio!

Salvatore Ricca
Ancora nessun voto

Vota!

Salvatore Ricca

Salvatore Ricca

Sono nato nel 1988, originario di Adrano, un paesino del Catanese. Grazie al mio percorso di studi presso l’Accademia Di Belle Arti Di Palermo, in Progettazione&Design ho sempre accolto l'Arte nella mia vita quotidiana, ritenendola una fonte d'ispirazione in grado di mantenermi vivo. La passione per i videogiochi mi accompagna sin da bambino, dall’età di 11 anni, una passione che muta nel tempo, continuamente, verso generi complessi e diversi anche se prediligo il genere Survival/Horror e il genere Fantasy... Quindi potete immaginare che bella infanzia! Cerco sempre l’arte anche attraverso i videogame ponendo attenzione al “termine”. Nel mio mondo un po’ strambo sono presenti il pensiero filosofico di Kandinsky e l’occhio per il particolare di Gustav Klimt! Nella mia vita amo essere una persona con una trasparenza stratificata, perché credo sia l’unico modo per poter vivere sperimentando e imparando ad ogni occasione che si presenta, arricchendosi sempre di qualche strato nuovo in più!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: