A Plague Tale: Innocence – Una fiaba che sa di sublime

Dopo due anni dalla presentazione, parliamo di A Plague Tale: Innocence l’avventura d’esordio del team ASOBO pubblicata da Focus Home Interactive.

Un’esperienza che lega delicatezza e crudeltà, facendo della costruzione scenica e dell’impatto narrativo due colonne fondamentali e portanti.

Viene così fuori una fiaba nera affascinante, anche se elementare sul piano del gameplay.


A Plague Tale: Innocence è un gioco d’avventura con elementi stealth e puzzle solving.

Il titolo si alterna con momenti in cui è necessario agire di soppiatto, e altri più adrenalinici in cui la fuga risulta l’unica via possibile.

Un sensazione di inquietudine si può avvertire quando i protagonisti, Amicia ed Hugo, sono costretti scappare alle ondate di roditori dagli occhi cremisi che infestano la Francia del 1348.

A Plague Tale: Innocence risulta con una struttura lineare e semplice, con una direzione artistica molto ispirata e ricercata e una sceneggiatura di importante con una colonna sonora sublime per la quale il team ha svolto un lavoro a due poco incommensurabile

Salvatore Ricca
Ancora nessun voto

Vota!

Salvatore Ricca

Salvatore Ricca

Sono nato nel 1988, originario di Adrano, un paesino del Catanese. Grazie al mio percorso di studi presso l’Accademia Di Belle Arti Di Palermo, in Progettazione&Design ho sempre accolto l'Arte nella mia vita quotidiana, ritenendola una fonte d'ispirazione in grado di mantenermi vivo. La passione per i videogiochi mi accompagna sin da bambino, dall’età di 11 anni, una passione che muta nel tempo, continuamente, verso generi complessi e diversi anche se prediligo il genere Survival/Horror e il genere Fantasy... Quindi potete immaginare che bella infanzia! Cerco sempre l’arte anche attraverso i videogame ponendo attenzione al “termine”. Nel mio mondo un po’ strambo sono presenti il pensiero filosofico di Kandinsky e l’occhio per il particolare di Gustav Klimt! Nella mia vita amo essere una persona con una trasparenza stratificata, perché credo sia l’unico modo per poter vivere sperimentando e imparando ad ogni occasione che si presenta, arricchendosi sempre di qualche strato nuovo in più!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: